sabato 28 luglio 2018

A Rudy Michelini e Michele Perna la 53^ Coppa Città di Lucca


L’equipaggio locale centra l’ottavo successo in carriera sulle strade dell’appuntamento promosso dalla scuderia Maremmacorse 2.0.
A completare il podio assoluto Luca Pierotti e Manuela Milli (Peugeot 208 R5) con Fabio Pinelli e Fabio Menchini terzi sulla Skoda Fabia R5.




Lucca, 28 luglio 2018


E’ la Skoda Fabia R5 di Rudy Michelini e Michele Perna a calcare la pedana d’arrivo della 53^ Coppa Città di Lucca da vincitrice assoluta. L’equipaggio locale è riuscito nell’intento primario, ovvero quello di aggiudicarsi per l’ottava volta in carriera la gara proposta, nella veste 2018, dalla scuderia Maremmacorse 2.0. Un avvio deciso, quello di Rudy Michelini, salito in vetta alla classifica fin dalla prova inaugurale e protagonista di ben quattro primati in un format che ha avuto – nella disputa delle prove speciali “Pizzorne”, “San Rocco” e “Cune” – il proprio punto di forza. Oltre settantaquattro chilometri che, nel fine settimana, hanno confermato il ruolo da “primattrice” della gara nel contesto riservato agli esponenti del Campionato Regionale. Un confronto patrocinato dall’Aci provinciale che ha puntato i riflettori sulla “cavalcata” del driver locale, al centro di una performance altamente redditizia che ha visto concretizzarsi una vittoria in via di definizione già nel corso della prima metà di gara.

Alle spalle dei vincitori un altro equipaggio locale, quello composto da Luca Pierotti e Manuela Milli. Per il pilota lucchese una seconda piazza assoluta di grandi contenuti, impreziosita da tre vittorie di “speciale” in quello che era il debutto sulla Peugeot 208 R5, vettura utilizzata per la prima volta ma al centro di una serie di “acuti” che hanno contraddistinto la sua prestazione concludendo i sette tratti cronometrati in programma con un distacco dal vincitore quantificato in 23”2. Per Luca Pierotti la soddisfazione di essersi reso protagonista sul podio assoluto nonostante un testacoda sofferto nella prima ripetizione di “Cune” costato lo spegnimento della vettura.
In terza posizione assoluta, al debutto sulla Skoda Fabia R5, si è confermato Fabio Pinelli. Per il pilota pistoiese, affiancato da Fabio Menchini, una posizione finale in linea con le proprie ambizioni di campionato. Una progressione, quella di Pinelli, limitata nella fase iniziale del confronto da un problema di natura elettronica, ovviato in corso di gara. Quarta piazza e primato tra le vetture a due ruote motrici per la Peugeot 306 Maxi di Mauro Lenci e Nicola Angilletta, con il pilota locale tornato al volante della muscolosa kit dopo ben nove mesi dall’ultimo utilizzo. A chiudere la “top five”, la Renault Clio S1600 di Stefano Gaddini e Lorenzo Carmignani, protagonisti di una condotta che li ha visti, costantemente, nelle zone alte della classifica assoluta.



Sesta posizione per Federico Gasperetti e Federico Ferrari, sui sedili della Renault Clio R3T, al centro di una condotta che li ha visti precedere Simone Moriconi e Andrea Sarti, su Peugeot 207 S2000, con il pilota versiliese tornato all’agonismo dopo un lungo periodo di inattività e limitato, all’avvio, da problemi all’interfono. Performance crescente per Tommaso Ciuffi e Nicolò Gonella, su Peugeot 208 R2. Per l’equipaggio di Aci Team Italia una prima metà di gara condizionata da problemi di assetto, ovviati nella fase conclusiva. Chiudono la “top ten” Dario Baldassarri ed Emanuele Natucci, noni assoluti con il driver all’esordio sulla Renault Clio Williams e protagonista di una condotta priva di timori reverenziali valsa nove secondi di vantaggio sulla BMW M3 di Giovanni Mori e Massimo Cesaretti, decimi nella classifica generale.
Un contesto che si è confermato altamente selettivo, quello inserito nella programmazione del Campionato Regionale e del Premio Rally Automobile Club Lucca, con la prima prova speciale “Pizzorne” che ha fatto registrare i ritiri di Luca Artino, fuori causa per problemi meccanici alla Skoda Fabia R5 e Federico Rossi, anch’egli al volante della vettura boema. A tradire il pilota della Mediavalle, al debutto sulla vettura, una “toccata” riconducibile ad un problema al cambio.
Ottima la risposta di pubblico riscontrata in occasione delle cerimonie di partenza ed arrivo, entrambi assecondate dalle particolari caratteristiche offerte dalle mura cittadine, confermatesi cuore pulsante di un format che è stato proposto tenendo fede alla tradizione della gara.

Classifiche finali: https://goo.gl/JZtXys



Nella foto (concessa da Amicorally, free copyright): Michelini-Perna in gara e podio finale.


53° Rally Coppa Città di Lucca
UFFICIO STAMPA
MGT comunicazione – Gabriele Michi


lunedì 16 luglio 2018

Lorenzo Veglia "in ombra" al Mugello

Variabili negative per il pilota torinese: il contatto con un avversario lo estromette da Gara 1.
Sfortunata anche la manche conclusiva, caratterizzata da un testacoda.




Leini (To), 16 luglio 2018



Non ha assecondato le rosee aspettative della vigilia, la parentesi toscana di Campionato Italiano Gran Turismo che ha impegnato – nel fine settimana – Lorenzo Veglia. Il pilota di Leini, portacolori del team Antonelli Motorsport, non è riuscito ad esprimere le potenzialità più congeniali al contesto a causa di una serie di variabili negative occorse in entrambe le sessioni di gara, sull’asfalto dell’Autodromo del Mugello.
Un impegno “in salita” per il pilota torinese, con la disputa delle prove libere contraddistinte dalla ricerca di un equilibrio appagante sul tracciato fiorentino. Un processo che ha interessato il team e dal quale ne è scaturito un miglioramento prestazionale in termini velocistici nel corso delle sessioni pre-gara.

Sensazioni positive che non sono state, tuttavia, concretizzate in Gara 1, dove a rallentare la “rincorsa” della Lamborghini Huracàn del driver piemontese è stato il contatto con la vettura di un diretto avversario. Un errore di valutazione che ha messo fuori causa la GT3 di Lorenzo Veglia proprio nel momento in cui stava sferrando l’attacco a posizioni migliori, nel corso di una manovra di sorpasso che non è stata concretizzata positivamente. Una problematica che si è rivelata determinante anche in Gara 2, con la partenza del pilota torinese dalla ottava posizione della griglia a causa di una penalità relativa al contatto della sessione del giorno prima.
Un particolare che non ha precluso a Lorenzo Veglia una condotta aggressiva archiviata con un testacoda occorso dopo aver conquistato la settima posizione e causato dalla presenza di acqua sull’asfalto, legato alla perdita di liquido da parte di un concorrente che precedeva la Lamborghini Huracàn del leinicese. Una variabile che si è rivelata determinante ai fini della posizione finale, con la vettura affidata per la seconda metà di gara al compagno di squadra Martin Vedel giunta ottava sotto la bandiera a scacchi.

Il Campionato Italiano Gran Turismo chiamerà all’impegno i suoi protagonisti dal 7 al 9 settembre a Vallelunga, manche che manderà in archivio la pausa estiva.


Nella foto (copyright free-Signori): Lorenzo Veglia in gara al Mugello.


UFFICIO STAMPA – LORENZO VEGLIA

giovedì 12 luglio 2018

Leopoldo Maestrini costretto al "forfait" al Rally di Roma Capitale


Il pilota grossetano non sarà al via del prossimo impegno di Campionato Italiano Rally a causa di sopraggiunti ed improrogabili impegni lavorativi.




Scarlino (Gr) – 12 luglio 2018



Leopoldo Maestrini non sarà al “via” del Rally di Roma Capitale, appuntamento valido per il Campionato Italiano Rally in programma a Roma dal 20 al 22 luglio.
Una decisione, quella ufficializzata dal pilota di Scarlino, legata a sopraggiunti ed improrogabili impegni lavorativi che non permetteranno al portacolori della scuderia P.S.G. di confermare il trend positivo riscontrato fino a questo momento nella massima serie rallistica nazionale, al volante della Skoda Fabia R5 messa a disposizione dal team P.A. Racing.

La programmazione di Leopoldo Maestrini proseguirà con  la partecipazione al Rally San Martino di Castrozza, appuntamento titolato Campionato Italiano WRC in programma a metà settembre. Un impegno che – inizialmente – non era stato inserito nella programmazione sportiva del driver toscano e che precederà, di un mese, il Rally Due Valli, ultima “chiamata” del Campionato Italiano Rally in scena sulle strade della provincia di Verona.

“Al momento c’è molta amarezza per questo forfait – il commento di Leopoldo Maestrini – poiché credo fermamente che il Rally di Roma Capitale sia una delle espressioni più belle della programmazione stagionale. Ringrazio il team P.A. Racing per la comprensione mostrata, certo di poter proseguire nel migliore dei modi un percorso altamente formativo e di grandi soddisfazioni”.


UFFICIO STAMPA – LEOPOLDO MAESTRINI


Lorenzo Veglia atteso al "Mugello" per il Tricolore Gran Turismo


Il pilota di Leini atteso nel weekend sull’asfalto dell’autodromo fiorentino al “giro di boa” del Campionato Italiano GT.


Leini (To), 12 luglio 2018


E’ atteso in uno dei contesti più esclusivo del panorama motoristico “su pista” Lorenzo Veglia. Il pilota di Leini, tra le punte di diamante dello schieramento di Antonelli Motorsport nel Campionato Italiano Gran Turismo, abbraccerà nuovamente il volante della Lamborghini Huracàn GT3 in occasione della manche tricolore in scena sull’asfalto dell’Autodromo del Mugello questo fine settimana.
Una tappa, quella che anticipa la pausa estiva, di elevata caratura e che potrebbe regalare a Lorenzo Veglia la possibilità di dimenticare quanto occorso nella precedente manche di Misano, con il contatto con un dissuasore che ha ridimensionato le aspettative del pre-gara.

“In vista di questa gara abbiamo effettuato un’intensa sessione di test – ha commentato Lorenzo Veglia a pochi giorni dal “via” – credo che quello che andremo ad affrontare sia uno dei tracciati più impegnativi, al pari di Spa e Silverstone. Si parla di nuove entrate in campionato, di conseguenza a beneficiarne sarà il livello tecnico e lo spettacolo.  Ribadisco, il tracciato è molto tecnico ed in passato ho dimostrato di soffrirlo un po’ ma credo ci siano tutte le prospettive per poter fare bene anche lì”.

Lorenzo Veglia dividerà ancora l’abitacolo con Martin Vedel, compartecipe di un fine settimana che vedrà, venerdì, i protagonisti affrontare le prove libere. L’indomani sarà la volta delle prove ufficiali e della partenza di Gara 1, prevista alle ore 17,10 con un format di 56 minuti ed un giro. La manche conclusiva andrà in scena alla domenica, con partenza alle ore 16.

Nella foto (copyright free-Signori): Lorenzo Veglia.


UFFICIO STAMPA – LORENZO VEGLIA

lunedì 9 luglio 2018

E' un Premio Rally Automobile Club Lucca da record


La kermesse promossa dall’istituzione automobilistica provinciale archivia la prima metà stagionale facendo registrare adesioni record: superato il “tetto” di 150 iscritti.




Lucca, 9 luglio 2018


E’ un risultato al di sopra delle aspettative, quello fatto registrare dal Premio Rally Automobile Club Lucca in merito al numero di adesioni riscontrate. Un vero e proprio record che ha confermato gli elevati contenuti della serie promossa dall’istituzione automobilistica provinciale, con la prima metà di programmazione stagionale assecondata da un nutrito plateau di praticanti. Oltre centocinquanta i conduttori con licenza ACI iscritti alla kermesse, sempre più valore aggiunto nel contesto rallistico toscano. Un numero destinato a salire in vista del prossimo appuntamento in programma, il Rally Coppa Città di Lucca, con l'obiettivo dei promotori della serie puntato verso quota centosessanta adesioni. 

Una situazione di classifica, quella della serie rallistica “griffata” ACI, avallata da contesti che hanno, nell’ultimo mese, interessato i conduttori lucchesi su strade di elevata tecnicità come quelle offerte dal Rally Alta Val di Cecina e dalla Coppa Ville Lucchesi, cornice riservata alle auto storiche andata in scena nell’ultimo fine settimana di giugno sulle strade della Piana lucchese.
 A primeggiare nella classifica dedicata ai piloti è Dario Bertolacci, pilota della Mediavalle al centro di una performance redditizia sulle strade del Rally di Reggello. Uno scenario che ha regalato ampie conferme anche a Fabio Pinelli, protagonista nel contesto regionale su Ford Fiesta R5. Per il pilota della Valdinievole una seconda piazza nella “provvisoria” ad otto lunghezze dalla Peugeot 106 di classe N1 del leader, distacco garante di assoluta incertezza per quel che concerne il confronto giunto al “giro di boa” stagionale. In terza posizione uno dei “primattori” delle passate edizioni, Roberto Marchetti, assente nei recenti appuntamenti ma forte del punteggio conquistato sulle strade del Rally Il Ciocco e del Rally della Valdinievole, entrambi affrontati su Rover MG ZR 105. Assoluta parità nel confronto riservato agli Under 25 con Michele Friz e Christopher Lucchesi “appaiati” a quota 16 punti.

Nella classifica “navigatori” è Alessio Pellegrini a ricoprire il ruolo di leader. Uno status legittimato sulla Peugeot 306 di Simone Campilii, sulle strade del Rally Alta Val di Cecina che hanno impegnato anche Sara Baldacci, chiamata ad assecondare la condotta di Susanna Mazzetti su Renault Clio Williams. Per la copilota di Mologno l’occasione di confermare la leadership “rosa” e ridurre le distanze da Andrea Sarti, secondo in classifica a dieci punti dalla prima posizione di Alessio Pellegrini ma leader tra i copiloti Under 25.
Parte integrante del Premio Rally Automobile Club Lucca, la 1^ Coppa Ville Lucchesi ha garantito ai conduttori partecipanti una classifica dedicata al confronto tra auto storiche. Una situazione che ha puntato i riflettori sugli esponenti dei raggruppamenti con Rudy Michelini leader nel quarto, massima espressione delle potenzialità in gara, con due lunghezze di vantaggio su Mauro Lenci, protagonista del ritorno al volante della Peugeot 205 1.9 dopo ben tredici anni. A prevalere nel terzo raggruppamento è Riccardo De Bellis, protagonista su Porsche 911 e leader davanti a Stefano Pardini, distante in classifica di quattro lunghezze. In terza piazza “Freddy”, all’esordio su Lancia Delta Integrale. Tra i copiloti, a condurre la classifica di quarto raggruppamento è Michele Perna, con Ronny Celli in “ritardo” di due punti. Tre, le lunghezze di distacco tra Andrea Sarti, capofila nel terzo raggruppamento grazie al risultato condiviso con Riccardo De Bellis e Massimo Moriconi, protagonista al fianco di Piergiorgio Barsanti. Terzo gradino del podio per Giancarlo Frati, a cinque lunghezze di distacco dal vertice.
Il prossimo appuntamento vedrà i protagonisti del Premio Rally Automobile Club Lucca cimentarsi sulle strade del Rally Coppa Città di Lucca, in programma nei giorni 27-28 luglio.






mercoledì 4 luglio 2018

Rally San Marino sfortunato per Corinne Federighi

La pilota massese protagonista nell’appuntamento su “terra” di Campionato Italiano Rally: una serie di problemi di natura meccanica le precludono l’ennesima leadership femminile.




Massa, 4 luglio 2018


E’ una disamina colma di delusione, quella analizzata da Corinne Federighi a conclusione del Rally San Marino, appuntamento di Campionato Italiano Rally archiviato nel recente fine settimana. Tra i fondi “bianchi” del Titano, la driver massese ha fatto registrare un risultato estremamente condizionato da una serie di variabili negative. Al volante della Renault Clio R3C, con Daiana Ramacciotti “alle note”, Corinne Federighi è riuscita a prevalere nelle due prove speciali d’avvio confermando quello status di leader legittimato nei precedenti appuntamenti. Una condizione di classifica mutata dalla terza prova speciale in programma, con una problematica che ha interessato il sistema di alimentazione della vettura d’oltralpe e che ha costretto la portacolori di Project Team ad una condotta aggressiva volta alla riduzione di un gap quantificato, dopo il primo giorno di gara, in oltre cinque minuti.

Una situazione di classifica ridimensionata nel corso delle prove speciali di sabato, con il team chiamato alla risoluzione di una nuova problematica meccanica riscontrata nelle operazioni di  “service”  e che ha visto la pilota toscana centrare la vittoria nella totalità dei tratti cronometrati in programma. Una condotta che, al netto di ben due minuti e mezzo di penalità legati all’aspetto regolamentare e dovuti a ritardi ai controlli orari a causa delle problematiche meccaniche riscontrate, avrebbe visto Corinne Federighi vincere con ampio margine.
Particolari che non hanno offuscato una prestazione di alto contenuto su strade che, già in passato, avevano regalato alla “due volte” campionessa italiana nella categoria femminile le meritate conferme.

“Una vera e propria Odissea, non mi vengono altri termini di paragone per definire questa gara – il commento di Corinne Federighi – oltre alla problematica relativa alla pompa della benzina, nel primo giorno di gara, siamo state costrette a pagare ulteriori minuti di ritardo legati ad un problema alla coppa dell’olio, proprio mentre stavamo recuperando. La speranza è quella di aver pagato con la dea bendata tutto il possibile in questa gara, di modo da poter proseguire il nostro percorso nei prossimi appuntamenti. Ci tengo a ringraziare la SMD Racing perché è grazie alla loro professionalità se siamo riusciti almeno a cullare l’idea di una rimonta che pareva inizialmente impossibile”.

Nel fine settimana Corinne Federighi sarà chiamata a rispondere “presente” al Rally del Casentino, nella cornice dell’International Rally Cup. Tra le prove speciali disegnate nella provincia di Arezzo, la driver apuana siederà sul sedile destro della Renault Clio R3C portata in gara dal pilota siculo Marco Runfola, al centro di un avvio stagionale decisamente soddisfacente.


UFFICIO STAMPA – CORINNE FEDERIGHI